VIVERE L’AMBIENTE 2018 – XXII anno

è un laboratorio stabile di iniziative ambientalistiche-culturali organizzato, sotto il patrocinio delle Commissioni Nazionale e Regionale del Veneto  del C.A.I. per la Tutela dell’Ambiente Montano T.A.M., dalle Operatrici T.A.M. Fiorella Bellio, Maria Grazia Brusegan e Maria Rosa Rebeschini
con la collaborazione  e partecipazione dell’Operatore Nazionale ONTAM Maurizio Florian, degli Operatori/trici Regionali T.A.M. Massimo Baldan, Fabrizio Bettini, Giorgio Dalla Costa, Lidia Fabbri, Lia Favaro, Guido Furlan, Enzo Galeone, Elisabetta Girace, Andrea Grigolo, Daniela Pizzo, Barbara Rodeghiero, Elisa Rovatti, Diana Sperotto, Patrizia Zordan degli Operatori Sezionali T.A.M. Zoe Bressan, Elena Greguoldo, dei Soci Filippo Favilli, Fiorenza Miotto, Antonio Paganin (A.E.) e degli O.N.C. Lorenzo Costantini e Massimo Ghion.

Con le nostre attività intendiamo divulgare idee di ecologia, di rispetto e tutela dell’ambiente, di valorizzazione e promozione sostenibile del territorio nel complesso dei suoi valori naturali, culturali, sociali; di stimolo e riflessione su problematiche ambientali.

______________________________

PROGRAMMA 2018
CONFINI viaggio tra identità memorie scontri e incontri

VIVERE L'AMBIENTE 2018Esistono nel pensiero e nella lingua parlata mille significati al tema scelto per il XXII Ciclo di Vivere l’Ambiente: chiusura, rivalità, separazione ma anche varietà, diversità, confronto.

Su alcuni di questi abbiamo voluto indagare per capirne ragioni e significati poiché tutta la nostra vita è fatta di confini. Essi non sono soltanto fisici o politici, ma sono anche dentro di noi, dovuti alla nostra formazione, alle nostre tradizioni storiche e culturali che influenzano comportamenti e sentimenti. Segni di confini politici sono leggibili sul territorio da tempi remoti. Uno stesso ambiente può restituire anche confini etnici fra popolazioni culturalmente diverse. Se talvolta i confini etnici, culturali e politici possono coincidere, altre volte la loro mancata sovrapposizione ha creato scontri, guerre e rivalse.

E altri confini, quelli vegetazionali o faunistici, dovuti a differenze ambientali e climatiche ed anche confini geologici. Confini che invece di dividere arricchiscono la biodiversità del nostro paese.

Nel percorso emergeranno anche le opportunità di scambio, dialogo e solidarietà che il confine può dare.

Con le escursioni in calendario andremo a focalizzare vari aspetti di questo termine così preciso ma anche ambiguo e sfuggente: dalla Linea Gotica alle terminazioni romane sul Monte Civetta, dai confini della Serenissima in Primiero e Altopiano di Asiago alla Lessinia sulle tracce di un intenso traffico di contrabbando, dall’incontro delle tre grandi culture europee, latina, germanica, slava sul monte Forno, al confine fisico determinato dal grande fiume Po, al Grappa per la gara della vegetazione in “zona combattente”, al passo del Brocon per la sua faglia, fino alla valle di Posina per gli aspetti faunistici.

Infine…ciò che determina la nostra vita: il giorno e la notte e ciò che può farci sconfinare…

_______________________

Il programma comprende 5 CONFERENZE e 11 USCITE IN AMBIENTE

scarica programma completo http://www.viverelambiente.it/2018/prog2018.php


I programmi dettagliati sono disponibili presso le varie sezioni , nel sito
www.caidolo.it pagina TAM Tutela Ambiente Montano o su internet all’indirizzo: www.viverelambiente.it
per essere informati sulle nostre attività iscrivetevi alla nostra mailing list: info@viverelambiente.it
per informazioni e iscrizioni
iscrizioni@viverelambiente.it    tel. 3481800969


Referenti per Dolo
Massimo Baldan tel 041 5700862
Fabrizio Bettini cell 3389275916
Maria Grazia Brusegan cell 3282173019
Maria Rosa Rebeschini
cell 3282296634

 

 

Share Button

Commenti chiusi