AUTUNNO SULL’ALTOPIANO – Le malghe di Ongara – 21 Ottobre 2018

Organizzazione: Bertilla Ferro / Umberto Zausa IS Alpinismo 347 9030920

Difficoltà: T/E Dislivello: 450 m. Quota massima: 1612 m. Tempi: 4 h 30 minuti c.a.
Segnavia e Cartografia: Sentiero CAI 850
Materiale: Abbigliamento escursionistico, bastoncini, scarponi da trekking, pranzo al sacco e bevande;

Percorso stradale: dal centro di Gallio si prende a sinistra per Pakstall e contrà Costa.

Descrizione itinerario: Si inizia a salire a q. 1134 m a destra del Capitello di Contrà Costa, imboccando la carrareccia, segnavia N. 850. Il primo tratto è su ampio e comodo sterrato, delimitato dalle caratteristiche “stoan platten”, lastre di pietra che spesso si vedono sull’Altopiano. sulla destra si vede il trampolino di Gallio in Valle Pakstal.
Con buona pendenza, si sale fino ad arrivare al bosco e poi ancora fino alla Croce di Ongara (m. 1527). Qui ci sono trincee, e un’enorme antenna.
Si sale di un altro centinaio di metri fino ad arrivare a Malga Longara Davanti (m. 1614).

Si rimane ora in quota su sentiero tra ampi pascoli, fino a incontrare Malga Longara di dietro, se il tempo ce lo permette si potranno ammirare le montagne circostanti. Arriviamo al monumento commemorativo costruito in occasione della visita di Papa Giovanni Paolo II. I rintocchi della campana si percepiscono anche da lontano.
Il ritorno è per il medesimo sentiero.

Le malghe di Ongara – 21 Ottobre 2018

Commenti chiusi

  • Informazioni sulla percorribilità dei sentieri

    Informazioni sulla percorribilità dei sentieri

    Puoi trovare indicazioni sulla percorribilità dei sentieri del Veneto collegandoti al sito https://www.caiveneto.it/home. Un link consente di collegarti col tabulato che riporta le notizie fornite dai referenti sezionali per la sentieristica.[...]
    Aperta una sottoscrizione da parte del CAI

    Aperta una sottoscrizione da parte del CAI

    Attivazione, sottoscrizione, mobilitazione: queste le tre azioni indicate dal Presidente del CAI VENETO Francesco Carrer per far fronte alla gravissima situazione creatasi nei giorni scorsi su gran parte della montagna veneta a seguito dell'ondata di maltempo che non ha memoria d'uomo. Sono riportate in una lettera fatta pervenire a tutti i Presidenti delle 65 Sezioni CAI del Veneto, quale pri[...]